REVIEWS

Here you can see what people write about us!

From Grindtodeath.com

Fleeting Fatality (Review: Fatal Nunchaku / xKATExMOSHx 7″, 2013)

Hey kids do you like Powerviolence? Of course you do, why else would you be giving this bottom of the barrel blog your patronage? However the genre-idolatry of the likes of Fatal Nunchaku and xKATExMoshx would suggest the band are the types who would have I ❤ Powerviolence bumper stickers and wear to court a No Comment t-shirt without the slightest hint of irony to address their numerous noise complaints. What I am trying to get at is that both bands know Powerviolence like the back of their hand, and have the musical twitch to prove it.

First up is French underground powerviolence veterans and one half of a well documented euro tour with the now defunct Ocksen: Fatal Nunchaku. Fatal Nunchaku thrash around with the utmost tomfoolery, adjoining caustic riffs with curt tempo swaps and employing a completely irrational vocal attack, contrasting rabid yapping with Spazz like bellows; the yapping identical in form to what one might expect from a hyperactive choleric chihuahua – and I use that comparison as a term of endearment. Its a lively, absurd musically sarcastic splurge of adrenaline, sweat and laughs; somewhere in the vicinity of kinsmen Sylvester Staline, although which of the two is the more loony remains to be determined.

As if made to measure the Charles Bronson-esque Lindsay Lohan/ white popstar burnout syndrome parody band xKATExMOSHx occupy the b-side. Continuing from their well received ST 7″ , they continue to beat their extreme case of ADHD afflicted punk as if it were competing at the Grand National; who likes slow music anyway? Its the devils medium for old age pensioners and doom metal fans, and if you ain’t hitting above the 180 bpm mark you are pretty much wasting everybody’s time. The band are full tilt the moment the needle comes to contact with the wax, offering a 4 minute somersault of hit the ground running and don’t look back type bpm therapy. It exemplifies that xKATExMOSHx need a full length, given there is no graceful let down only high octane shenanigans by the time the release ends you are mid stage dive, the bore of reality crashing in as you as your face collides with your chest of drawers

Powerviolence on the whole is going wonderful if opposing directions, we have a new vanguared of cimmerian tinged powerviolence in balaclava types like Water Torture, Sex Prisoner, False Light (to whom Dead Chemists Records is gracing use with a long overdue physical medium) and Disciples of Christ tunneling into dark corners, whilst bands like Fatal Nunchaku and xKATExMOSHx showing us its still a dependable fun and lively genre.


From Short Fast & Loud #26

SFL


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

From Maximum Rocknroll

mrr2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

From Maximum Rocknroll

Say No To Slow (Review: xKatexMoshx, ST 7″ 2012)

from Grindtodeath.com

If I had not known better than I could have sworn Italy’s thrash-punxsters xKatexMoshx were the one and only Charles Bronson back for another crack at their energetic parade of ass kicking imbued Powerviolence. In an age where crippling hostility and aggression have become both the lyrical and musical status quo amongst the extremities of punk, Kate Mosh delve back into the original charm of Charles Bronson , Spazz and Scholastic Deth by making their Powerviolence unconditionally fun and accessible spicing it up with a nice visual and lyrical tongue in cheek.

Essentially it’s hard hitting hardcore on Prozac, it retains the tempo, brevity and oomph that differentiates Powerviolence from its hardcore cousins, but channels it in such a lively manner that listening to it almost feels like a live experience, delegating to the listener an unquenchable thirst for moshing and other sorts of tomfoolery one can expect from the moshpit.

The band members themselves are veterans amongst the local hardcore scene, a knowhow and professionalism that is exceptionally evident in this newer project of theirs, bringing quality traits such as tightness, engaging song writing skills and catchy tunes to the table and perhaps more evidently their compelling love for hardcore music and attitude; a bastion of solidarity the band never fail to meet.

To stress the point again, this really is an entertaining release, a quirkiness that is evident on all levels of presentation. Evidenced by the dynamic between the jumps of adrenaline through its riotous outbursts  and the more casual rolling in the mucky punk playing fields, greatly flavoured by the short attention span of the exceptionally energetic guitar work which jumps from one curveball riff to another as if on a trial run on a hopscotch course, and lastly the deftness of drum work which is drawn a bit further back from the guitar and vocal parade whilst still showcasing a nimble dexterity and adeptness that allows it to jolt playfully as the tempo changes.

There is a flagrant unpredictability in the structure which is a crucial component to their success, even when the unpredictability wears off after numerous listens the charm doesn’t wear off, instead being supplanted by an admiration to their vibrant play style; an adaptive trait few bands manage to pull off. Vocals are presented as your typical shouty hardcore whose level of annunciation synchs up with the ever alternating tempo of the release, a quick peruse over the lyrical content only helps in reinforcing the joyous vibe of the release, despite being socially critical its penned with a distinct style that plays a lot on irony, insincerity and sarcasm.

The overall presentation is flawless in my books, the only niggling concern as a reviewer is putting the release into perspective, had the review been written by a general hardcore fan I am sure the review would carry words like aggressive and boisterous to describe their sound, because in all fairness compared to stereotypical hardcore this release certainly has a greater level of tensile furor to it. However for a man such as myself whose love of PV weighs into more bitter territory such as that of Dropdead and Weekend Nachos, it doesn’t take a degree in musical composition to realise that this release shies away from such hostilities, instead leaning to more enthusiastic elations to define themselves.

Regardless of which perspective one chooses to assess and describe xKatexMoshx the conclusions will be the same: being that the band are in tip top condition and deliver a highly memorable and enjoyable rollercoaster of punk vitality, and once again serving as a friendly reminder that stellar PV goes beyond a North American affair.

XKATEXMOSHX, xKatexMoshx

from Thenewnoise.it

Sedici brani sedici compressi all’interno di un solo sette pollici, un artwork che strizza l’occhio a pushead e ritrae una disfatta Kate alle prese con la sua polverina preferita, cosa aspettarsi? Domanda pretenziosa e persino un po’ futile, visto che bastano le prime note a palesare un amore profondo per powerviolence e thrashcore vecchia maniera, un calderone sonoro suonato a mille all’ora e sparato in faccia all’ascoltatore senza troppi complimenti. Definirla musica old-school risulta persino offensivo, così come appare ben distinta la strada dei romani da quella dei tanti gruppi dediti ad una rivisitazione edulcorata dell’hardcore no thrills vecchia maniera, soprattutto perché qui non c’è alcuna concessione ad ammorbidimenti o laccature di sorta. Tutto è caustico e urticante come nei vecchi sette pollici che continuano a ricoprire un posto speciale nel cuore di un nutrito manipolo di appassionati, tutto gira come da copione e non fatica a colpire il bersaglio, in fondo, non si tratta di pivellini alle prime armi, visto che i quattro provengono da band quali Taste The Floor, Warpeace e Drive Tasty. I xKatexMoshx non aspirano certo a cambiare le regole del gioco, né si candidano a idoli delle nuove generazioni, piuttosto si accontentano di radicalizzare il conflitto e riportare l’hardcore nella giusta cornice di musica oltre i limiti, suonata più col cuore che con le mani, oltre che del tutto indigeribile per i non adepti. Per fan di Spazz, Dropdead, Charles Bronson e compagnia bella.

XKATEXMOSHX – ST

from Benoise.com

Forse la musica Powerviolence e Fastcore non diverrà mai troppo famosa, ma in fondo chi diavolo se ne frega? L’importante è che i ragazzi che la suonano riescano con essa ad esprimersi come volevano, a lanciare i propri messaggi nel modo più diretto e spontaneo possibile. Si tratta di un genere poco adatto a chi non ama la musica rude e violenta ma pieno di passione e voglia di fare. E tra le varie band capaci nella scena italiana, questi X KATE x MOSH X si meritano una fetta di torta.

Questo LP omonimo è il loro primo lavoro. I componenti della band hanno altre esperienze alle spalle (Taste The Floor, Drive Tasty, Warpeace) e cercano di convogliare in questo progetto tutti i lati utili del proprio passato, per realizzare un lavoro di una violenza seminale. 16 tracce iper-rapide, sparate a tutta in pieno stile Fastcore. I brani si somigliano talvolta tra loro ma per il genere è abbastanza un classico. Qui ci si rifa a big del calibro degli Spazz, degli Infest, dei Charles Bronson, dei Punch, tentando comunque di realizzare la propria via all’Hardcore estremo.

Nel disco c’è spazio per varie tematiche; dalla politica (“Old Fascists Suck Twice“), all’attacco alla religione (“Shake The Pope“), al tema dell’alimentazione (“Enemies Of The Modern Food“). Sound incazzoso, schizzato, che picchia e lascia lividi. “Something Must Be Wrong“, “Assholes Can’t Go Fast” (con un attacco micidiale) e “You Failed (In One Way Or Another)” sono le mazzate più riuscite, capaci di richiamare alla mente quella certa violenza ben concentrata che nella scena Powerviolence/Fastcore una band come gli Infest sapeva emanare meglio di tutti (gusto personale o lo pensano quasi tutti?).

Insomma questi X KATE x MOSH X vanno giù pesi senza mezze vie e rimangono facilmente impresso a chi usualmente si ciba (anche) di musica particolarmente cruda, veloce e grezza. Possono magari affinare ulteriormente le proprie armi, ma come primo lavoro questo LP è un esordio stra-convincente. Quindi tutti allerta quando ci sono gli X KATE x MOSH X nei paraggi: mosh or get the fuck out.

VOTO 7,3

xKatexMoshx – [2012] xKatexMoshx

from Punk4free.org

Recensire il 7″ dei xKatexMoshx e’ difficile, piu’ che altro vanno troppo veloci ed e’ quasi impossibile stargli dietro!!!
In un fottuto 45 giri sono riusciti a racchiudere 16 schegge impazzite e pregne d’odio, con testi strafottenti ed una grafica che piu’ cool non si puo’ (disponibile in 2 versioni)!!
Musicalmente parlando i ragazzi romani (composto da membri di Taste The Floor, Drive Tasty, Warpeace) suonano un power violence/fastcore/ultra speed hardcore, chiamatelo come cazzo vi pare, la cosa certa e’ che non avrete il tempo di mettere la puntina su questo dischetto ed andare a pisciare che sara’ gia’ il tempo di girarlo!
Qualche band di riferimento? Vediamo: Spazz, Charles Bronson, Infest, Siege e metterei pure gli Heresy…quindi cacciate sta manciata d’euro e preparatevi a farvi del male fisico!!!
chrisplakkaggiohc

xKatexMoshx – Gatecrashers Attack!

2012-10-20 08:28 in Reviews by Guido

Views 103 people read this
Comments 0 people are talking about this
xKatexMoshx – Gatecrashers Attack!

I think that Kate Moss might actually be flattered to hear that a band is named after her. Well, not directly of course and xKatexMoshx probably has little praise for the supermodel to offer. However, they do have 16 songs and managed to record 14 of those for this 7″. The sound is noisy power-violence that doesn’t demonstrate that much diversity. The other two songs will be on an Italian promo with covers.

The inspiration is drawn from bands like Charles Bronson, Spazz and Asshole Parade. That is clear from the first notes of ‘Old Fascists Suck Twice’ or ‘My Tea’ (interesting title).  The last song has a sludgy intro but then its just a brutal assault on the drums. ‘Assholes Can Go Fast’ is also over before you know it with a few hoarse shouts and machinegun drums.

This band from Rome doesn’t seem to take life all to serious with hilarious titles like ‘Dictionaries’ Revenge’, which has even got some funny, silly guitar sections. The band members used to be active in Taste The FloorWarpeace and Drive Tasty (all not the most amazing bandnames one could say). They have got extensive live experience, opening shows for WormrotAgathoclesVitamin XExtreme Noise Terror and Weekend Nachos. Clearly it’s all about fun with these guys. The quality is pretty dreadful and songs like ‘Stigmatized’ seem to consist of angry, incoherent shouting and lack any sort of subtlety.

‘You Failed (in one way or another)’ does amuse one, even if just by it’s title. So does ‘The Happy War Song’ which has some grooving intro, as far as one can call this such. So a good record this is not, it lacks any form of technical skills and relies purely on fast playing and harsh distortion to gain any impact. Still, it’s probably better than Kate making an album herself. The lyrics are poor and sometimes just silly.

All in all I can recommend this album to anyone who likes simplicity, bad English and aggressive sounds.

xKATExMOSHx “s/t” 7″EP 2011 (Kooperácia)

Tentokrát sa zase spojilo 11 malých labelov, aby vydalo , pre mňa, tejto neznámej Talianskej úderke ich asfaltík , čo znamená svet. Každopádne už zbehlý fanatici vedia, že keď si kapela dá ako názov meno, nejakého herca alebo tentokrát feťáckej modelky, tak už všetci vieme o čo sa bude jednať. Nesklamalo to ani teraz. Chlapci pravdaže hrajú ako to býva, krátko, úderne a rýchlo, čiže fastcore. 16 prítomných skladieb sa nesie v niekolko sekundových výbuchoch s urevaným (občas nudným) vokálom. Zvuk je úplne v norme ale občas si musím zvykať na bubeníka, lebo používa pri rýchlých pasážach, presne ten takt bicích, ako napr. to robia Isacaarum. Je to také divné, že si na to musíte zvykať a aj pri spomínaných Isacaarum mi trvalo dosť dlho. Texty sa nesú v klasickom duchu tochto štýlu, fašisti, scéna, konzumná spoločnosť. Až miluješ kapely ako Spazz, Charles Bronson, tak tu neni čo riešiť, akurát ten bubeník ťa možno svojim taktom občas bude otravovať, ale je to v pohode a ako muzika, a tak i obal, sú mierne nad priemerom!
-Lepra-

Agathocles + Dehuman + xKatexMoshx + Murders Calling

La serata non è cominciata nel migliore dei modi: dopo aver letto “ore 22:00 puntuali” sul flyer dell’evento, mi ero stranamente convinto che sarebbe stato davvero quello l’orario di inizio (plausibile dopotutto, quattro gruppi non sono pochi da gestire). Arrivo quindi con largo anticipo sulla Nomentana per cercare il Bencivenga Occupato. Non ci ero mai stato, ma è bastato guardare qualche “divisa” per capire dove fosse precisamente. L’ingresso a sottoscrizione è il punto di forza del centro sociale, assieme ai costi bassissimi per bere all’interno, insomma un evento low cost a 360 gradi. La sala principale – non troppo grande ma adatta – ospita le distro ed i banchetti delle band, quindi c’è tutto il tempo di scambiare due parole coi soliti noti ed anche con gli Agathocles. Tempo cinque minuti per capire la fortuna di averli qui, l’inizio del tour della band in realtà è stata una falsa partenza: la prima data francese è stata annullata a causa di un tornado (!), mentre a Napoli mi è sembrato di capire che non abbiano suonato a causa dei ritardi del loro volo (anche se non trovo nessuna ulteriore informazione a riguardo). Parlare con Jan Frederickx è soddisfacente, non potrei trovare un termine migliore: scherza con tutti, si ricorda di dove ha suonato a Roma, autografa dischi, ringrazia in continuazione per essere venuti, mi saluta (letteralmente) con baci e abbracci come fosse un amico… l’attitudine è la stessa del 1985 insomma, e scusate se è poco; quale band con quasi 30 anni di attività poi ti vende ancora i cd a cinque euro?
Si fanno le 23:00 ed è finalmente il momento di cominciare la prima serata di questa rassegna “At War With Grindcore”. Sono i Murders Calling ad essere chiamati a gran voce dal loro – fedelissimo – pubblico: a riprova di quanto fosse familiare il contesto, durante il loro show tra una “Automa” e “All You Need Is Violence” si passano birre sul palco e si scherza come in una sala prove con qualche amico. Forti della recente pubblicazione del loro primo 12” hanno tutto il tempo di buttare sul pubblico tra i 15 ed i 20 pezzi alla velocità della luce, con il loro Death/Grind senza compromessi. Gli ottimi suoni fin da subito aiutano la band e la risposta del pubblico (ancora pochino) non tarda a farsi sentire con i primi accenni di pogo. Una quarantina di minuti di set davvero ben sfruttati, come inizio non si poteva chiedere di meglio.
Il cambio di palco non è velocissimo nonostante l’ora, ormai si è capito che la serata finirà ad un orario improponibile. Rimaniamo sulla stessa lunghezza d’onda (anche se sono un sostenitore della varietà, è bello avere delle serate a tema ogni tanto) con i xKatexMoshx, quartetto Powerviolence di recente formazione con uno dei monicker più belli dell’Urbe. Sono contento di avere l’occasione di ammirarli di nuovo assieme ai Murders Calling perché l’ultima volta sono riuscito a sentire poco e niente di entrambi. Anche qui il set è una scarica di colpi continua, il cantante Andrea passa quasi tutto il tempo in mezzo al pubblico piuttosto che sul palco, occasionalmente prendendo parte anche al pogo. Siamo su territori più “puri” rispetto ai Murders Calling, molto più vicini all’Hardcore che al Metal. La voce di Andrea a tratti mi fa pensare ad altri eroi nazionali del genere, i Cripple Bastards (autori, ovviamente, anche loro di uno split con gli Agathocles). La sala finalmente sta diventando piena, si fa fatica a passare senza urtare tutti (non intenzionalmente intendo), ed i xKatexMoshx concludono uno show apprezzatissimo.
È il momento di fare una pausa, approfittando dei ritmi di “passaggio del testimone” tra un gruppo e l’altro. Due passi su Via Nomentana per un cornetto ad un bar pittoresco (l’unico rimasto aperto, vista l’ora) adiacente ad un altro famoso centro sociale… con tanto di personaggi caratteristici inclusi nel prezzo del cornetto, che promettono al proprietario che prima o poi gli taglieranno la gola (lasciandolo nell’indifferenza più totale, sarà l’abitudine). Al ritorno i Dehuman sono già sul palco. Una vera eccezione nella serata, piantati prepotentemente in territori metallici con il loro Death Metal altamente tecnico che mostra tutto il suo amore per maestri come Morbid Angel, Death e Deicide. I connazionali degli headliner mettono a fuoco e fiamme il Bencivenga, grazie anche ad un Andrea Vissol alla voce (nonché al basso) spettacolare, timbro cavernoso ed opprimente. Il pubblico ormai è coinvolto al 100%, stage diving e crowd surfing cominciano ad essere una costante, e ai Dehuman non manca il tempo di sguinzagliare sul pubblico i brani del debut “Black Throne Of All Creation”; il tutto condito da vari intermezzi di chiacchiere (frasi di senso compiuto in italiano) sempre da parte di Vissol, che è originario di Milano. Mi maledico da solo avergli prestato poca attenzione pochi giorni fa, quando erano di spalla a Master e Warhammer al Traffic. Da segnalare infine alla batteria la presenza di Laye Louhenapessy, praticamente un sosia dell’ormai ex membro dei Suffocation Mike Smith. Saranno pure lontani stilisticamente dagli Agathocles, ma un tour del genere è uno spettacolo da non perdere.
All’1:45 infine salgono sul palco gli Agathocles: Frederickx come sua consuetudine inizia il concerto coperto da un passamontagna e parte coadiuvato anche da Nils Laureys e Bram Criekemans, ormai entrati in pianta stabile in formazione da alcuni anni. Il cantante è visibilmente su di giri per l’alcool e tra un pezzo e l’altro prova ad intrattenere il pubblico in un inglese poco comprensibile, ma la performance rimane su altissimi livelli. Sono piuttosto i problemi tecnici ad ostacolare per qualche minuto la band, prontamente risolti dallo staff per fortuna. Ormai si può fare qualche conteggio definitivo e le presenze non erano meno di 80; un buon dato visto lo spazio disponibile e considerando che nella loro ultima venuta di tre anni fa eravamo meno, ed anche di parecchio. Ritornando al concerto, l’ora costringe gli Agathocles a suonare senza concedersi troppe pause, ma l’importante è avere una setlist degna di questo nome, con “Grind Is Protest”, “A For Arrogance”, “Axe The Tax” ed “Hyvää Päivää” tra le altre. La preferenza va ovviamente ai pezzi più brevi, ma non nascondo che sarebbe bello vederli all’opera sui pezzi più strutturati (una “Technological Boom – Technological Doom”, tanto per dirne una). 55 minuti di concerto tiratissimi quindi, niente bis ma comunque tanta soddisfazione nel pubblico che si è praticamente autoeliminato pezzo dopo pezzo.
Il Grindcore – anzi, stasera il Mincecore – si conferma come musica tra le più autentiche in circolazione nel panorama estremo, con una fame di violenza che neanche l’età può intaccare, sia quella del genere in sé che quella dei musicisti.

One Response to REVIEWS

  1. Pingback: Some updates | xkatexmoshx

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s